Desideri avere maggiori informazioni ?

Inviaci una richiesta, ti risponderemo al più presto

Rimorchi Leggeri

Con Decreto Dirigenziale del 18 maggio scorso, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha introdotto dopo diversi anni di stallo una sostanziale modifica in riferimento ai controlli tecnici relativi ai rimorchi delle categorie O1 e O2 (rimorchi leggeri e caravan di massa complessiva fino a 3,5 t).
Tale obbligo, previsto tra l’altro dall'art. 5 del D.M. n. 214 del 19/05/2017, ha di fatto istituito una frequenza di controlli di quattro anni dopo la data di prima immatricolazione e successivamente ogni due anni, ai fini del miglioramento della sicurezza della circolazione stradale.
Il Decreto Dirigenziale sopra citato ha dunque calendarizzato con i crismi dell’ufficialità tale incombenza, suddividendo i rimorchi da sottoporre a controllo come di seguito specificato:
  • anno 2018 i rimorchi immatricolati fino al 31/12/2000 a prescindere dal mese di immatricolazione (ad esclusione di quelli già revisionati nel biennio precedente);
  • anno 2019 i rimorchi immatricolati dal 01/01/2001 al 31/12/2006 (e quelli immatricolati prima del 2001 e non revisionati nel biennio precedente);
  • anno 2020 i rimorchi immatricolati dopo il 01/01/2007 e quelli per i quali sono trascorsi 4 anni dalla prima immatricolazione o 24 mesi dall'ultima revisione.
A partire dall'anno 2019, come d'uso, il termine ultimo per ottemperare al richiamo è il mese di immatricolazione/revisione (la prenotazione, se effettuata entro i termini, estende la possibilità di circolazione del rimorchio fino alla data assegnata dall'UMC).
Si precisa infine che la competenza per l’effettuazione di tali revisioni al momento è riservata esclusivamente agli ispettori degli Uffici Motorizzazione Civile presso le proprie sedi o presso le sedi idonee secondo la normativa in materia di espletamento di sedute al domicilio ai sensi della legge 1 dicembre 1986 n. 870.